il blog si rinnova

Stiamo apportando alcune modifiche al nostro blog quindi perdonateci un po’ di confusione 🙂

Vogliamo rendere la consultazione delle pagine più facile (abbiamo inserito tempo fa la casella di ricerca sul blog) e la ricerca di professionisti del settore turistico più agevole e adeguata alle esigenze di chi cerca guide turistiche e ambientali, accompagnatori, consulenti, esperti in vari settori ecc..

Nella ‘home page’ i soci possono pubblicare i propri articoli raccontando se stessi, la loro professione e proponendo attività di vario tipo.

In ‘progetto Guide in Rete’ abbiamo raccontato come è nata la nostra associazione e quali sono gli obiettivi che intendiamo raggiungere.

‘Diventa socio!’ parla chiaro: vi invitiamo ad associarvi e a partecipare attivamente al blog, alle attività organizzate e a proporne di nuove.

Se volete farci domande o inviarci materiale trovate i nostri recapiti nella pagina ‘contatti’.

Nella pagina ‘le Guide’, potete consultare l’elenco dei soci, vedere subito cosa fanno e dove operano e, clickando sui link, potete scoprire di più e contattarli direttamente.

‘Dove andiamo oggi?’ raccoglie le proposte dei soci: itinerari, percorsi, attività, degustazioni, consulenze, didattica, formazione.. a carattere ‘locale’ ovvero sul territorio in cui il socio vive e lavora. Perchè noi pensiamo che ‘locale è meglio’! 🙂

Se state programmando un soggiorno dalle nostre parti, la pagine ‘dormire, mangiare…’ vi offre utili suggerimenti. Sono i ristoranti, i B&B, le gelaterie, i negozi che ci piacciono e che consigliamo perchè, secondo noi, offrono prodotti eccellenti.

E se, come speriamo, vorrete rimanere in contatto con noi ricevendo la nostra newsletter periodica, andate alla pagina ‘newsletter’, compilate il modulo e inviatelo!

Buona lettura!

blog

Pubblicità

3. scoprire che qualcuno vive nel torrione della Porta cittadina

Scrivi qui i tuoi pensieri… (opzionale)

Casa San Jacopo al Giardino

010Lucca è bella. Oltre ad essere bella è interessante perchè nelle sue architetture si legge il passar dei secoli e il respiro della storia e fantasiosa perchè la gente storia ed architetture le ha usate per viverci e lavorarci.

Un esempio di ciò è la trasformazione del torrione che affianca l’arco di Porta dei Borghi in bottega e appartamento: nella bottega c’è un bel negozio di ceramiche e nell’appartamento ci abita qualcuno che ha il pollice verde come dimostrano i vasi con fiori e piante che abbelliscono il balconcino. E mi piacerebbe visitare l’appartamento perchè me lo immagino con le pareti curve, con mobili fatti apposta,  con quadri che non stanno mai dritti.. un giorno troverò il coraggio per andare a suonare e chiedere il permesso di vederlo (e poi vi racconterò!).

Quindi non mancate di attraversare la Porta dei Borghi (Casa San Jacopo è proprio a 2 passi)…

View original post 184 altre parole

2 – Piazza Anfiteatro, Lucca

100 cose da non perdere a Lucca, n° 2: Piazza Anfiteatro 🙂

Casa San Jacopo al Giardino

Tra le cento cose da non perdere a Lucca e dintorni c’è sicuramente questa piazza molto particolare che Alessio individua come il principale simbolo della città e  non posso dargli torto: è un luogo davvero speciale che, in una passeggiata in città, non potete mancare.

Piazza Anfiteatro è probabilmente l’unica piazza in Italia che nasce all’interno di un anfiteatro romano. L’edificio fu fondato nel II secolo dopo Cristo dai Romani che nel 180 A.C. avevano costruito ‘Luca’, una cittadella circondata da alte mura lunghe un paio di kilometri, secondo le loro proprie tecniche, abitudini e buoni auspici. Una città situata in un punto strategico, dotata anche di un teatro e di un ampio forum che in breve diventa sufficientemente ricca da poter pensare di costruire un anfiteatro da dedicare a giochi e ad altre attività.

L’anfiteatro fu costruito all’esterno delle mura, a nord, deviando il corso del fiume Serchio e…

View original post 156 altre parole

Perché è difficile vivere con un toscano.

davvero molto carino! Ma in Toscana la varietà di fonazione è enorme 😀

flan au chocolat

Quando ho conosciuto quello che poi è diventato il mio ragazzo, è stata una dura impresa riuscire a capirlo. Lui non è straniero, anzi, parla benissimo l’italiano, però diciamo che ha dei piccoli difetti all’apparato morfo-fonatorio.

La prima sera che siamo usciti insieme ho capito circa la metà delle cose che mi ha detto e vi giuro che, seduta sul gradino davanti alla biblioteca, il primo a cui ho pensato è stato lui, il più grande: Dante. Ma non aveva passato in rassegna i dialetti per unificarci sotto un unico idioma, l’italiano? Perché qui, invece, parliamo la stessa lingua e comunque non ci capiamo?
Con i giorni che passavano ho cominciato a capire qual era il problema…le sue C erano mute! Per un orecchio abituato alla durezza delle consonanti del sud come il mio, l’assenza di una sola di queste ha scatenato il panico. Dunque, prima cosa da fare: aggiungere una C…

View original post 341 altre parole

Se un giorno di Dicembre un viaggiatore…

ImmagineDicembre, eccoci arrivati a Dicembre, l’ultimo mese dell’anno, il mese delle giornate più corte e buie, ma rallegrate dalle lucine del Natale ormai alle porte.

Dicembre, il mese delle abbuffate in famiglia, il periodo in cui i nostri nonni “conciavano” il maiale, curato e nutrito per tutta l’estate, la vera ricchezza dei contadini, di cui non veniva buttato nulla, perchè ogni sua parte era destinata ad uno scopo ben preciso. Suona strano nel secolo che stiamo vivendo, da molti definito “l’era dello spreco”.

Dicembre, mese di feste e di concerti, mese di regali e di mercati. In tutta Italia si aprono le bancarelle e gli stand più interessanti di tutto l’anno e anche Lucca non è da meno. Si apre infatti il mese con il Desco (che termina oggi domenica 8 Dicembre), la grande fiera dei prodotti tipici lucchesi, dove il gusto della tradizione si incrocia con quello dell’innovazione; si prosegue poi, a partire da ieri Sabato 7 dicembre, con la tradizionale Fiera di Natale, che si è spostata ormai da qualche anno in piazza Napoleone, la “piazza grande” del centro storico, a pochi passi dall’antico Foro Romano, tradizionale centro degli scambi commerciali che per secoli hanno animato la città.

Imperdibili anche i vari mercatini artistici e dell’artigianato che  per tutto il mese animeranno le vie e le piazze di Lucca!

Il 12, 13, 14, 15 Dicembre, infatti, si svolgerà il Mercatino dell’Arte e dell’Ingegno, lungo la preziosa via San Paolino, parte dell’antico decumanum maximum della città, ad un passo dalla casa Natale del Maestro Giacomo Puccini.  Il 21, 22, 23 Dicembre è invece decisamente irrinunciabile un’altro appuntamento con lo shopping di qualità:  come da tradizione si terrà il  Mercatino delle Arti e dei Mestieri, che si svolge come ogni anno in piazza del Giglio, di fronte all’omonimo teatro lucchese.

Dicembre a Lucca è anche mese di mostre, come quella dei Presepi alla biblioteca cittadina Agorà, in piazza dei Servi, oppure quella delle Piante di Natale e di Capodanno, organizzata negli spazi dell’ Orto Botanico. Altra chicca del mese, per tutti i bambini, anche quelli cresciuti, è  la mostra della Disney ospitata dal MUST-museo della città, a palazzo Guinigi (approfittando dell’occasione, di questi tempi, è consigliabile anche la salita sulla torre Guinigi, la famosa torre dell’albero, dalla quale si può ammirare dall’alto tutta la città, magica nelle sue illuminazioni natalizie). Infine,  per gli appassionati di fumetti e non solo, è doverosa una visita all’esposizione dal titolo ” Quando il WEST tornò a Lucca“, nata da una collaborazione con il grande Sergio Bonelli, allestita presso gli spazi del Museo Italiano del Fumetto e dell’ Immagine, in piazza San Romano.  Insomma, visitare Lucca anche nel mese di Dicembre si rivela davvero molto interessante! 😉

La leggenda dell’Artiglio

Artiglio è il nomArtiglioe di una delle navi a vapore della società armatrice SO.RI.MA (Società Ricuperi Marittimi) di Genova e si occupava di rintracciare, recuperare e portare al porto le navi affondate prevalentemente durante la Prima Guerra mondiale.

Aristide Franceschini, Alberto Bargellini, Alberto Gianni, Guido Martinelli, Mario Raffaelli, Raffaello Mancini, Fortunato e Donato Sodini, Giovanni Lenci e Carlo Dominici facevano parte dell’equipaggio ed erano esperti palombari di origine viareggina: oggi sono nomi e storie impressi nella memoria collettiva di Viareggio.

Franceschi_Gianni_Bargellini_sull'ArtiglioAlberto Gianni in particolare aveva inventato la camera di decompressione e la torretta butoscopica determinante per i recuperi ad alta profondità.

L’Artiglio diventò famosa poichè nel 1930 fu incaricata dalla Compagnia Lloyd’s di recuperare il piroscafo transatlantico inglese SS Egypt che trasportava un prezioso e consistente carico di monete e lingotti d’oro: proprio Alberto Gianni era a capo dell’operazione che però fu rinviata alla primavera del 1931 per le cattive condizioni stagionali dell’Oceano Atlantico.

Ma l’Artiglio non completò mai il recupero perchè si dovette occupare della nave Florence, naufragata molti anni prima, di cui fu sottovalutato il carico di esplosivo e quando fu investita dall’esplosione fu distrutta e affondata e nella tragedia morirono, oltre a gran parte dell’equipaggio, anche i palombari Alberto Gianni, Aristide Franceschi e Alberto Bargellini.

Per conoscere a fondo la leggenda dell’Artiglio e scoprire altre storie, vi consigliamo di visitare il Museo della Marineria a Viareggio e di partecipare il 4 dicembre all’incontro organizzato presso il Museo con inizio alle ore 21. Sarà proiettato un film documentario sulle attività dei palombari dell’epoca.

la leggenda dell’Artiglio

Lardo di Colonnata, l’antico salume toscano.

Colonnata è un piccolo borgo in provincia di Massa Carrara ed è famoso anche per la produzione di questo particolare, profumato e appetitoso salume.

Italia, io ci sono.

Addentare un pezzo di pane ripeno di Lardo di Colonnata, seduti su una delle panchine che affollano i belvedere sulle montagne scavate attorno a Massa Carrara è un trionfo sensoriale difficile da dimenticare. L’esperienza gustativa di questo prezioso alimento è molto intensa: le spezie e gli aromi sciolti nel tiepido e abbondante grasso si spandono armoniosamente nel nostro palato.

L’origine del Lardo di Colonnata è forse da ricercare al tempo dei Comuni, anche se c’è chi li fa risalire agli Antichi Romani o agli Antichi Greci. Dal 2004 è protetto dal disciplinare IGP, che ne limita la produzione nei pressi di Colonnata, una frazione di Carrara. Qui le cave di marmo fanno da sfondo al paesaggio e le troviamo in ogni aspetto della vita del luogo: proprio il marmo è utilizzato per creare le vasche di stagionatura del Lardo, dette conche. Il disciplinare impone che la…

View original post 197 altre parole

artigiani / artisti al Lucca Comics

Lucca Comics non è solo un grande momento di aggregazione, condivisione e sperimentazione, è anche il luogo dove si possono trovare artigiani che lavorano con passione e competenza e creano dei piccoli capolavori.

Artigiani e artisti al tempo stesso, come i ragazzi che hanno creato L’Emporio del Kleer’a’Kawn e che avevamo già avuto la fortuna di conoscere in occasione di una visita guidata alle Mura di Lucca una notte dello scorso agosto ed ecco qui in foto il loro stand che si trova presso La Citadel davanti al Caffè delle Mura, sulle Mura di Lucca.

20