Le escursioni del sabato: i bottacci del Guappero

Sabato 8 Marzo Ore 14:00 – I BOTTACCI DEL GUAPPERO

Ritrovo: appuntamento lungo la Via per Pisa ore 14:00 – Telefonare per dettagli al 333-132333-1323726

Ritorno previsto per le ore 16:00 circabottaccio

Un bell’itinerario lungo il Rio Guappero, tra campi coltivati, vecchie redole ed argini di contenimento.

L’escursione presenta 0 (zero) dislivello. Il percorso è ad anello e completamente pianeggiante, particolarmente adatto alla tecnica del Nordic Walking e non ci sono difficoltà tecniche: è un’escursione adatta a tutti, perfetta in questa stagione anche perchè l’erba è ancora bassa ed il fango non è eccessivo.

Si tratta di una passeggiata nel verde da interesse botanico, naturalistico e/o sportivo.

Costo: 15€, che comprende servizio di guida ambientale, assistenza tecnica lungo il percorso e copertura assicurativa professionale.

Sono possibili sconti per abbonamenti. Non è compreso il noleggio di bastoncini.

Dotarsi di abbigliamento comodo e sportivo, scarponcini da trekking o running, giacca a vento o K way in caso di piogge, borraccia con acqua ed eventuale merenda.

NUMERO MINIMO 8 PERSONE – PRENOTAZIONE ENTRO VENERDI’ 7 MARZO

E’ NECESSARIA LA CONFERMA TELEFONICA

INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI: 333-1323726333-1323726 guido.pietrapana@gmail.com

 

Annunci
Questa scoperta ha risollevato lo spirito mio e dato nuova lena allo mio intento…

Questa scoperta ha risollevato lo spirito mio e dato nuova lena allo mio intento…

La Famiglia Bernardini ha fatto la storia della città di Lucca e adesso possiamo metterci in contatto con il Signor Bernardino che, attraverso il blog di Villa Bernardini, ci racconterà le sue storie!
E noi saremo felici di portarvi a scoprire le sue dimore a Lucca e dintorni.

VILLA BERNARDINI

Assolvere a la missione da me medesimo assegnatami, introdurre le Signorie Vostre addentro a la storia di Lucca e de le famiglie che grande la fecero, si rivelò, per un instante invero lunghissimo, impresa assai ardua.

 

I carteggi sui quali, secondo usi e consuetudini scolpiti nello tempo, leggevansi storie e accadimenti fedelmente riportati da artisti amanuensi, non dimorano più, come d’abitudine, nelle residenze de le grandi famiglie patrizie.

I preziosi scritti riportanti la memoria di secoli, ivi compresi quelli appartenuti a la mia famiglia, fanno oggidì bella mostra di sé in un palazzo che appartenne alla famiglia Guidiccioni, sito nella piazza omonima. L’edificio ospita ciò che, nel tempo de la Italia unita in unica Repubblica, prende lo nome di Archivio di Stato.

In tale luogo è serbata la memoria che sarà dei posteri.

IMG_6896

Questa scoperta ha risollevato lo spirito mio e dato…

View original post 123 altre parole

Puccini, Napoli, l’arte, la musica, la bellezza..

Chi non ricorda il ‘vincerò’ intonato da Luciano Pavarotti in occasione dei Mondiali di calcio del 1990? Ve lo ripropongo QUI e ci troviamo al Palatrussardi di Milano in occasione della FIFA world cup presentation concert.

La romanza cantata dal grande tenore è ‘Nessun dorma’, tratta dalla Turandot di Giacomo Puccini ed è intonata dal personaggio di Calaf all’inizio del terzo atto. Immerso nella notte di Pechino, in totale solitudine, il “Principe ignoto” attende il sorgere del giorno, quando potrà finalmente conquistare l’amore di Turandot, la principessa di ghiaccio.

Famosissima romanza, quasi un simbolo di Pavarotti e di Puccini, la riascoltiamo anche in questo VIDEO che ci racconta il flash mob del Teatro di San Carlo di Napoli e dell’Opera di Roma contro il decreto “Valore Cultura” del ministro Massimo Bray a Napoli in Galleria Umberto I il 9 febbraio scorso. Il video è stato segnalato da Wanda Selis, guida turistica della Campania, innamorata della bellezza e della sua terra.

E per completare, ecco il testo della romanza:

Il principe ignoto

Nessun dorma! Nessun dorma!
Tu pure, o Principessa,
nella tua fredda stanza
guardi le stelle che tremano
d’amore e di speranza!

Ma il mio mistero è chiuso in me,
il nome mio nessun saprà
No, no, sulla tua bocca lo dirò,
quando la luce splenderà!
Ed il mio bacio scioglierà
il silenzio che ti fa mia!

Il nome suo nessun saprà
E noi dovrem, ahimè, morir, morir.

Dilegua, o notte! Tramontate, stelle!
Tramontate, stelle! All’alba vincerò!
Vincerò! Vincerò!

M042_Turandot_vincero

il blog si rinnova

Stiamo apportando alcune modifiche al nostro blog quindi perdonateci un po’ di confusione 🙂

Vogliamo rendere la consultazione delle pagine più facile (abbiamo inserito tempo fa la casella di ricerca sul blog) e la ricerca di professionisti del settore turistico più agevole e adeguata alle esigenze di chi cerca guide turistiche e ambientali, accompagnatori, consulenti, esperti in vari settori ecc..

Nella ‘home page’ i soci possono pubblicare i propri articoli raccontando se stessi, la loro professione e proponendo attività di vario tipo.

In ‘progetto Guide in Rete’ abbiamo raccontato come è nata la nostra associazione e quali sono gli obiettivi che intendiamo raggiungere.

‘Diventa socio!’ parla chiaro: vi invitiamo ad associarvi e a partecipare attivamente al blog, alle attività organizzate e a proporne di nuove.

Se volete farci domande o inviarci materiale trovate i nostri recapiti nella pagina ‘contatti’.

Nella pagina ‘le Guide’, potete consultare l’elenco dei soci, vedere subito cosa fanno e dove operano e, clickando sui link, potete scoprire di più e contattarli direttamente.

‘Dove andiamo oggi?’ raccoglie le proposte dei soci: itinerari, percorsi, attività, degustazioni, consulenze, didattica, formazione.. a carattere ‘locale’ ovvero sul territorio in cui il socio vive e lavora. Perchè noi pensiamo che ‘locale è meglio’! 🙂

Se state programmando un soggiorno dalle nostre parti, la pagine ‘dormire, mangiare…’ vi offre utili suggerimenti. Sono i ristoranti, i B&B, le gelaterie, i negozi che ci piacciono e che consigliamo perchè, secondo noi, offrono prodotti eccellenti.

E se, come speriamo, vorrete rimanere in contatto con noi ricevendo la nostra newsletter periodica, andate alla pagina ‘newsletter’, compilate il modulo e inviatelo!

Buona lettura!

blog

3. scoprire che qualcuno vive nel torrione della Porta cittadina

Scrivi qui i tuoi pensieri… (opzionale)

Casa San Jacopo al Giardino

010Lucca è bella. Oltre ad essere bella è interessante perchè nelle sue architetture si legge il passar dei secoli e il respiro della storia e fantasiosa perchè la gente storia ed architetture le ha usate per viverci e lavorarci.

Un esempio di ciò è la trasformazione del torrione che affianca l’arco di Porta dei Borghi in bottega e appartamento: nella bottega c’è un bel negozio di ceramiche e nell’appartamento ci abita qualcuno che ha il pollice verde come dimostrano i vasi con fiori e piante che abbelliscono il balconcino. E mi piacerebbe visitare l’appartamento perchè me lo immagino con le pareti curve, con mobili fatti apposta,  con quadri che non stanno mai dritti.. un giorno troverò il coraggio per andare a suonare e chiedere il permesso di vederlo (e poi vi racconterò!).

Quindi non mancate di attraversare la Porta dei Borghi (Casa San Jacopo è proprio a 2 passi)…

View original post 184 altre parole

2 – Piazza Anfiteatro, Lucca

100 cose da non perdere a Lucca, n° 2: Piazza Anfiteatro 🙂

Casa San Jacopo al Giardino

Tra le cento cose da non perdere a Lucca e dintorni c’è sicuramente questa piazza molto particolare che Alessio individua come il principale simbolo della città e  non posso dargli torto: è un luogo davvero speciale che, in una passeggiata in città, non potete mancare.

Piazza Anfiteatro è probabilmente l’unica piazza in Italia che nasce all’interno di un anfiteatro romano. L’edificio fu fondato nel II secolo dopo Cristo dai Romani che nel 180 A.C. avevano costruito ‘Luca’, una cittadella circondata da alte mura lunghe un paio di kilometri, secondo le loro proprie tecniche, abitudini e buoni auspici. Una città situata in un punto strategico, dotata anche di un teatro e di un ampio forum che in breve diventa sufficientemente ricca da poter pensare di costruire un anfiteatro da dedicare a giochi e ad altre attività.

L’anfiteatro fu costruito all’esterno delle mura, a nord, deviando il corso del fiume Serchio e…

View original post 156 altre parole